restauro mobili

Pubblicato il 15/10/2017

  • L’Ebanisteria Sorrentino, leader nel settore del restauro mobili antichi a Napoli, vanta una lunga e comprovata esperienza, tramandata in famiglia di generazione in generazione nella realizzazione di opere di restauro di manufatti lignei pregiati, tanto intarsiati quanto intagliati. E’ attiva sulla piazza napoletana fin dal 1885 ma da oltre 40 anni, sotto la direzione di Salvatore Sorrentino prima e di suo figlio Amedeo e del genero Luca poi, è unanimemente riconosciuta come una delle botteghe più preparate ed aggiornate in questo specifico settore di restauro. La ditta offre ai suoi clienti una consulenza specializzata per la soluzione di qualsiasi richiesta e assistenza tecnica durante e dopo i lavori, seguendoli dalla fase di progettuale fino alla conclusione. L’impresa da tempo si posiziona tra i laboratori più attivi ed affermati nel settore del consolidamento e restauro, recupero e valorizzazione del patrimonio monumentale, artistico, architettonico ed archeologico e nei servizi connessi a tale attività: perizie e progettazione, diagnostica, interventi preventivi, attività di consulenza. Dispone di un organico di professionisti, specialisti e maestranze selezionate che operano con estrema professionalità e passione nel rispetto per l’arte e per i valori storici e culturali. Nello svolgimento di tale attività, l’impresa insieme alla struttura aziendale ha maturato una specifica e riconosciuta specializzazione in:

    • Restauro e conservazione di arredi e manufatti lignei con specializzazione nelle discipline dell’intarsio, dell’intaglio e nel restauro di mobili antichi
    • Costruzione e consolidamento di oggetti d’arte in stile, perfettamente funzionali alla conservazione e alla tutela di opere d’arte antiche.

    La restaurazione è un attività particolare che rientra pienamente nell’artigianato artistico. Restaurare non significa rendere nuovo, ma recuperare la bellezza dell’antico e quindi salvaguardare gli oggetti in questione da tutto ciò che può deturparli e renderli fatiscenti, ma nello stesso tempo rivalorizzali nel loro splendore, facendo venire alla luce di nuovo la ricchezza e la genialità non solo della decorazione o degli ornamenti ma anche dell’opera delle mani di chi li ha realizzati. La ditta è specializzata nel restauro mobili antichi a Napoli, più precisamente nell’intarsio che consiste nello scegliere varie essenze di legno, di varia forma e spessore, e di creare con esse su una base lignea, un vero e proprio disegno, ma senza alcuna linea o figura sottostante; tutto viene dalla fantasia, dall’estro del maestro e dalla capacità, sicuramente acquisita negli anni, di mettere insieme tutti questi pezzettini di legno di colore diverso e di abbinarli creando, facendo comparire la figura a cui il maestro vuol dare corpo. La ditta è specializzata nella costruzione di mobili in miniatura, sono opere esclusive che vengono utilizzate come portagioie o come pezzi da collezione. In particolare la ditta lavora per i più accreditati antiquari di Napoli e per i discendenti delle più prestigiose casate nobili Italiane. È consulente delle diocesi della Campania ed è costantemente interpellata per i restauri e la manutenzione e straordinaria del patrimonio artistico ecclesiastico. Recentemente l’Ebanisteria Sorrentino si è distinta per il restauro di due angoliere siciliane risalenti al XVII secolo, poi ha eseguito il restauro di un divano e due poltrone Smith appartenenti al patrimonio dell’appartamento storico del palazzo reale di Napoli. Tutti i lavori sono stati debitamente documentati e l’azienda è in possesso dei relativi attestati di perfetta esecuzione e di piena soddisfazione dei committenti e delle autorità di vigilanza.

    Per informazioni, si consiglia di contattare il laboratorio al numero 081402225 o 3477371182 e di visitare la sede da lunedì al venerdì, dalle ore 8.00 alle 18.00, e il sabato dalle ore 8.00 alle 18.00, a questo indirizzo: Via Giovanni Bausan, 28/G Napoli.  

  • mobile incastonato
Espandi Comprimi
  • Restauro mobili antichi Napoli Cassettone

    Restauro mobili antichi e classici


    Scopri
  • Tavolino intarsiato in avorio

    Lavorazione e restauro avorio


    Scopri
  • Mobile in  legno pregiato

    Lavorazioni in legno pregiato


    Scopri
  • Mobile antico in miniatura con legno pregiato

    Mobili antichi in miniatura con legno pregiato


    Scopri
  • Cesare Brandi, nella sua famosa opera Teoria de restauro, risalente al 1963, sosteneva: “Comunemente s’intende per restauro qualsiasi intervento volto a rimettere in efficienza un prodotto dell’attività umana”. Subito dopo però distingueva le operazioni eseguite su prodotti industriali o seriali e quelle rivolte alle opere d’arte: “il restauro costituisce il momento metodologico del riconoscimento dell’opera d’arte, nella sua consistenza fisica e nella sua duplice polarità, estetica e storica, in vista della sua trasmissione al futuro.”

    Da questa affermazione discendono i principi ai quali è necessario che si ispiri il restauro di mobili in legno nella sua attuazione pratica: “La consistenza fisica dell’opera deve necessariamente avere la precedenza, perché rappresenta il luogo stesso della manifestazione dell’oggetto d’arte, assicura la trasmissione dell’oggetto al futuro, ne garantisce quindi la ricezione nella coscienza umana”.

    Partendo da questi presupposti, la dittarestauro di mobili in legnooperano mirando al ristabilimento dell’unità potenziale dell’opera d’arte, purché ciò sia possibile senza commettere un falso artistico o un falso storico. Anzi, esse s’impegnano affinché non siano cancellati definitivamente i segni del passaggio dell’opera d’arte nel tempo.

    La consapevolezza che restaurare non significa rendere nuovo, ma recuperare la bellezza dell’antichità guida ogni gesto, ogni intervento delle maestranze specializzate delle due botteghe.

    Tutto l’impegno delle famiglie artigiane, Sorrentino è racchiuso nell’imperativo categorico che ispira ogni progetto di intervento: non si tratta di far scomparire le ferite o le cicatrice del tempo, ma solo di curarle, esaltandole come eredità peculiare del manufatto. L’opera d’arte non deve mai diventare una imitazione di sé stessa.